Il 30 maggio proveremo a riaprire la Grassi.

La neve è quasi completamente sciolta sui versanti sud fino oltre 2200 m di quota. Sui versanti nord e i lati in ombra invece permangono superfici innevate, a partire da quota 1800.

A Biandino e alla PioX la neve è del tutto assente, mentre oltre la cascata si trovano ancora chiazze di neve, facilmente superabili. La salita al Pizzo è possibile con i ramponi, l’avvicinamento è quasi completamente sgombro mentre il caminetto è ancora parzialmente ingombro di neve in parte ghiacciata.

La neve lascia il posto ai crochi

Il versante nord, appena sotto la bocchetta di Camisolo


2000 metri, versante sud

Stambecchi di fronte alla Colonia Pio X
il rifugio in data 16.12.2019 , condizioni simili si riscontrano
dopo le nevicate di inizio marzo

La cabinovia Barzio – Piani di Bobbio è attiva per la stagione invernale, ma il tragitto da Bobbio alla Grassi è consigliato solo a persone esperte e attrezzate con i ramponi ed eventualmente una piccozza.


I ramponcini, o mezzi ramponi, o ramponi a 6 punte, sono attrezzi di peso modesto e grandissima utilità per chi percorre sentieri di montagna in inverno o nelle mezze stagioni, quando fa freddo e di notte gela. Sarebbe utile tenerli sempre nello zaino. Si utilizzano: (1) su sentieri con neve dura e gelata ma pendenza non eccessiva, (2) su sentieri di bassa quota dove il ghiaccio potrebbe essere coperto dalle foglie in giornate / periodi molto freddi, (3) su terreno ripido indurito dal gelo. Non sostituiscono i ramponi veri e propri, che hanno 10 o 12 punte e vengono utilizzati per l’alpinismo, ovvero escursioni in alta quota e dove la pendenza è elevata.

Queste informazioni, che vengono aggiornate circa una volta alla settimana, non costituiscono un bollettino meteo, infatti le condizioni della neve in quota possono cambiare in poche ore a causa del vento, nevicate, ecc.