Alba dal rifugio Grassi
Alba dal rifugio Grassi

Il rifugio Grassi si trova presso la Bocchetta di Camisolo (2000 m slm), sotto al Pizzo dei Tre Signori, sul confine fra le Orobie lecchesi, le Orobie bergamasche e le Orobie valtellinesi. Si trova in comune di Valtorta (BG), ma l’accesso più comune è da Introbio (LC) oppure, d’estate, dai Piani di Bobbio (Barzio, LC).

LA GRASSI E’ UNO DEI POCHI RIFUGI LECCHESI / BERGAMASCHI CHE E’ RIMASTO UN VERO RIFUGIO: NIENTE STRADA, NIENTE JEEP, NEMMENO MOTOSLITTE,  NIENTE DI NIENTE! I RIFORNIMENTI  ARRIVANO SOLO A SPALLA O IN ELICOTTERO. NONOSTANTE LA FATICA E LA DIFFICOLTA’ DI RAGGIUNGERE IL RIFUGIO, SOPRATTUTTO D’INVERNO, NOI APPREZZIAMO QUESTO POSTO E SPERIAMO CHE ANCHE VOI OSPITI SARETE FELICI DI FARE UN PO’ DI FATICA IN PIU’ IN CAMBIO DI UNA MONTAGNA SILENZIOSA E AUTENTICA.

Di seguito sono elencati e poi descritti i vari percorsi per raggiungere il Rifugio. Nell’ordine:

1. Da Barzio o dai Piani di Bobbio, sentiero 101- percorso consigliato d’estate

2. Da Introbio, strada (o sentiero) di Val Biandino e poi sentiero nr. 40- percorso consigliato d’inverno

3. Da Introbio, sentiero nr. 27 della Foppabona – relazione dettagliata

4. Da Introbio per la Valbona – percorso per esperti

5. Da Valtorta frazione Ceresola e poi sentiero 101

6. Da Valtorta frazione Costa, sentiero 104

 

E’ inoltre disponibile un file in formato GPX contenente alcune tracce GPS per raggiungere il rifugio. Per scaricarlo clicca qui.

Istruzioni:
Salvate il file GPX sul disco rigido del proprio pc.
Una volta scaricato il file che interessa sul proprio disco rigido (con estensione .GPX) è possibile aprirlo o importarlo nei principali programmi che si interfacciano con i ricevitori GPS.
Aprite il file .GPX, sarà quindi possibile trasferire la traccia sul vostro navigatore portatile, come track da seguire sul campo e seguire le istruzioni d'uso riportate sul manuale del vostro GPS.

 

1. DA BARZIO O DAI PIANI DI BOBBIO SENTIERO NR. 101

Si percorre la strada che parte dal piazzale dell’ovovia oppure si sale in quota con l’ovovia stessa (attiva da giugno a settembre, giugno e settembre solo il sabato e domenica, a luglio nei giorni feriali con tre corse al giorno e nei fine settimana con corse continuative; ad agosto tutti i giorni con corse continuative: per informazioni sulle corse vedi il sito www.pianidibobbio.com ). Dai Piani (quota 1600 m slm) si raggiungere il rifugio lungo la panoramica cresta del sentiero 101 (seguire dapprima le indicazioni per Rifugio Buzzoni e sentiero 36, fino a trovare le indicazioni per il Rifugio Grassi e sentiero 101). L’ intero percorso è molto ben visibile e abbondantemente segnalato. Solo in caso di nebbia e con neve al suolo l’orientamento può essere difficoltoso. Tempo tot. 2 ore e mezza salendo in quota con l’ovovia, 4 ore salendo a piedi.

 

2.DA INTROBIO, PER LA VAL BIANDINO (SU STRADA O SU SENTIERO) E POI SENTIERO NR. 40

itinerario rifugio grassi da introbio

All’uscita del paese di Introbio si seguono le indicazioni per la Val Biandino, percorrendo dapprima la via Alla Cascata e poi la via Alle Ville; è possibile parcheggiare dove la strada diventa sterrata, in prossimità dei cartelli segnaletici dei rifugi.

La sterrata conduce in circa due ore di cammino alla Bocca di Biandino (possibile servizio jeep navetta fino alla Bocca di Biandino, concordare l’orario della jeep con i rifugi Madonna della Neve, 0341 981050 oppure Tavecchia, oppure con il sig. Bonacina 0341 980486) da qui il sentiero nr. 40 in un’ora e un quarto porta alla Grassi. Tempo tot. 3,5 ore partendo a piedi da introbio, circa 3 ore partendo a piedi dal primo ponte

ATTENZIONE: Al momento uno dei privati proprietari della strada ha vinto un ricorso al TAR, perciò il regolamento comunale che limitava l’accesso alla strada è annullato (sentenza del 21.05.12). Pertanto non è chiaro come si muoveranno le parti e come verrà gestito l’accesso alla carrozzabile della Val Biandino, in ogni caso il regolamento che, negli ultimi anni, vietava il traffico alle automobili e consentiva l’accesso ai mezzi 4×4 fino al secondo ponte non è più in vigore.

La strada si può altrimenti evitare seguendo il sentiero, che percorrendo la stessa valle interseca la strada a più riprese. E’ possibile imboccare il sentiero dopo il primo tornante, poi dopo il primo ponte (attenzione: c’è un sentiero che sale anche prima del primo ponte, ma è più difficile e d’inverno è molto ghiacciato), infine subito prima del secondo ponte (segnaletica in loco). Subito prima del primo ponte viene indicato un altro sentiero che percorre la valle in sinistra idrografica, si tratta di un sentiero più sconnesso e spesso ghiacciato d’inverno.
Ci sono altri due sentieri che collegano Introbio alla Grassi, percorrendo valli alternative alla Val Biandino: la Foppabona (nr. 27, direttamente dal paese o dalla strada della Val Biandino imboccando la deviazione per la località LA PEZZA) e la Valbona (indicazione 500 m dopo il secondo ponte, 300 m dopo l’agriturismo La Baita). Entrambi sono impegnativi in quanto meno segnalati. Entrambi sono sconsigliati a persone non esperte nella stagione invernale con abbondante inevamento, oppure in caso di nebbia.

 

3. DA INTROBIO, SENTIERO NR. 27 DELLA FOPPABONA

Il rifugio Grassi dalla sella di Foppabona
Il rifugio Grassi dalla sella di Foppabona

A nostro parere, per chi vuole raggiungere il rifugio Grassi partendo da Introbio, il sentiero della Foppabona (numero 27) rappresenta una valida alternativa alla Val Biandino, sopratutto per chi è infastidito dal traffico della strada. Esso si snoda prima per boschi di castagni e faggi, poi in mezzo ai larici e successivamente attraverso pascoli fino a raccordarsi al sentiero 101 della Dorsale Orobica Lecchese presso la sella di Foppabona. La zona è affascinante, panoramica e selvaggia, e va considerato che, essendo il tracciato esposto a sud in una conca, nelle ore centrali della giornata è molto caldo. D’inverno, quando i sentieri in Val Biandino risultano ghiacciati, la Foppabona è spesso sgombra dal ghiaccio.Si può partire dal paese di Introbio, al centro della strettoia che caratterizza il paese troviamo dei cartelli di alluminio che recano l’indicazione RIFUGIO GRASSI, oppure, guadagnando qualche centinaio di metri, si imbocca la strada agrosilvopastorale della Val biandino fino a raggiungere il bivio per la località LA PEZZA.
Si prende a destra e dopo 300 metri, superate le baite, si devia a sinistra per un sentiero stretto tra una recinzione e un ruscello (cartelli in alluminio con indicazione ALPE FOPPABONA e bollo bianco e rosso n° 27).

 

Bivio per la località La Pezza
Bivio per la località La Pezza – GPS N45° 58.826′ – E009° 27.617′ – 825MSL.
Cartelli e bolli segnaletici
Cartelli e bolli segnaletici

Si sale per una ripida mulattiera lastricata, prima in un bosco di castagni e poi in una faggeta. Si incontra una baita recintata e il temine di una strada sterrata; si ignora la strada e si prosegue per la mulattiera sempre con pendenza marcata. Il fondo appare sempre più rovinato dall’acqua, e dopo aver superato diversi tornanti si scavalla una cresta in corrispondenza della caratteristica bocchetta di Pianca.

L'intaglio alla bocchetta di Pianca
L’intaglio alla bocchetta di Pianca – Gps N45° – 59.158′ – E009° – 28.267′ – 897msl.

Qui nei secoli passati i pastori hanno scavato la roccia ricavandone uno stretto corridoio nel quale le bestie venivano fatte passare una per una , facilitando così la conta al momento della salita e della discesa dall’alpeggio. Appena oltre troviamo un grosso faggio con un segnavia biancorosso dipinto sul tronco; qui il sentiero scende leggermente e attraversa un tratto di bosco con parecchi alberi morti caduti a terra, quindi si giunge sotto alle baite di Pianca e si attraversa un pascolo infestato da alte felci.

Il pascolo infestato da felci
Il pascolo infestato da felci

 

 

 

 

 

 

 

Il sentiero prosegue nella faggeta con tracciato rettilineo; dopo circa 300m attraversa un primo torrentello, seguito a breve distanza da un secondo, con un evidente bollo biancorosso su un sasso.

Primo torrente della Foppabona
Primo torrente della Foppabona – GPS N45° – 59.431′ – E009° – 28.730′
Secondo torrente della Foppabona
Secondo torrente della Foppabona

 

 

 

 

 

 

 

 

Si prosegue con leggera pendenza, i faggi lasciano il posto ai larici, poi il sentiero si inerpica con stretti tornanti in una zona di pascolo inerbato e piccole pietraie. La vegetazione dirada fino a lasciare posto a rare betulle; dopo circa 20-25 stretti tornanti si incontra un bivio, con un evidente segnavia gialloblu n°27 posto su un sasso con a fianco una freccia gialla che indica a destra RIFUGIO GRASSI.

Bivio con bollo gialloblu
Bivio con bollo gialloblu – GPS N45° – 59.613′ – E009° – 29.234′ – 1750m
Pietraia dopo il bollo gialloblu
Pietraia dopo il bollo gialloblu

 

 

 

 

 

 

 

 

Segue un tratto in moderata pendenza cosparso di sassi, poi il sentiero si innalza ancora con alcuni tornanti (qui la traccia inizia ad essere meno evidente) e si raggiunge un piccolo pianoro erboso; a sinistra scorgiamo le rovine di alcuni muri a secco. Si piega a destra verso un torrentello, si risale un piccolo zucco e si raggiunge un secondo pianoro erboso con un abbeveratoio in cemento per le mucche.

Si attraversa un ruscello su un piccolo tratto cementato e si piega a destra superando un secondo piccolo zucco. Si sbuca così sull’ampio pascolo della Foppabona; sulla destra scorgiamo un recinto che protegge alcune sorgenti, e il sentiero attraversa un muretto a secco in corrispondenza di un palo metallico dipindo di giallo.

Abbeveratorio in cemento
Abbeveratorio in cemento
Il muretto a secco con il palo giallo
Il muretto a secco con il palo giallo; sulla sx si scorge la baita di Foppabona, mentre contro il cielo sulla dx la sella di Foppabona nel suo punto più basso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Qui la traccia, finora piuttosto labile, scompare del tutto per ritornare ben visibile una volta oltrepassata la baita di Foppabona che vediamo di fronte a noi. Dalla baita di prende a destra, si costeggiano dei mucchi di pietre e in 5 minuti si raggiunge la sella di Foppabona, congiungendosi al sentiero 101 (cartelli indicatori in alluminio). Da qui il rifugio è a vista e si raggiunge in 30 minuti.

La sella di Foppabona
La sella di Foppabona – GPS N46° – 00.019′ – E009° – 29.625′ – 1991m
Il rifugio Grassi dalla sella di Foppabona
Il rifugio Grassi dalla sella di Foppabona

 

 

 

 

 

 

 

 

 

4. DA INTROBIO PER LA VALBONA

Percorrendo la strada di Val Biandino, circa 300 metri dopo l’agriturismo La Baita e qualche metro dopo il torrente Valbona, riconoscibile dalla profonda cunetta sulla strada, si nota un piccolo cartello di alluminio che invita a seguire un sentiero che si inerpica ripido dapprima nel bosco, poi su ghiaione, e infine risale la valle. Questo sentiero, quasi interamente ripulito nell’estate 2011, resta tuttavia un sentiero impegnativo (un breve tratto, franato, richiede l’appoggio delle mani per la progressione), scarsamente segnalato, poco frequentato, che si sviluppa in ambiente severo. E’ un sentiero molto bello, lontano dal traffico della Val Biandino, in ambiente appartato e frequentato volentieri dagli animali, però lo consigliamo solo ad escursionisti esperti e con abbigliamento e calzature adeguate. Risalendo la Valbona fino in cima si esce nella bocchetta tra lo Zucco di Valbona e lo Zucco di Cam: da qui in pochi minuti si scende al Rifugio. Appena possibile inseriremo una relazione dettagliata del percorso.

 

5. DA VALTORTA, FRAZ. CERESOLA (PARTENZA DAL PIAZZALE DELLA SEGGIOVIA) E POI SENTIERO NR. 101

Dal parcheggio degli impianti si segue la strada per poche centinaia di metri, quindi, seguendo l’indicazione Rifugio Grassi, si prende a destra verso un gruppo di baite e, su sentiero segnato, si risale l’ultima pista da sci a destra (pista del Cedrino). La si percorre fino ad arrivare in cresta, in corrispondenza di una sella erbosa, dove si incrocia il sentiero 101 ( Passo del Gandasso, cartelli in legno e in alluminio). Si segue poi il 101, molto ben segnalato, fino al rifugio (tempo tot. 2 ore e mezza). Sul percorso si trovano differenti segnavia, frutto della sovrapposizione di diversi itinerari, il più frequente è il 101 colori bianco e rosso.

Se qualcuno dovesse sbagliare e percorrere la strada asfaltata che dal parcheggio porta ai piani di Bobbio, non c’ è problema, anche da qui si trovano le indicazioni per il sentiero 101, solo si allunga il percorso di 45 minuti.

 

6. DA VALTORTA, FRAZ. COSTA SENTIERO NR. 104

Anche senza passare dalla Fraz. Costa c’è un sentiero segnato che dal centro del paese scende verso l’ecomuseo e costeggia il campo sportivo, quindi risale passando per un gruppo di baite e si raccorda al 104.

Alternativamente: giunti al paese di Valtorta conviene parcheggiare (alla frazione Costa non è più possibile parcheggiare) quindi si può prendere la strada asfaltata che conduce alla frazione Costa, visibile sulla destra, e risalire fino alle ultime case. Da qui in poi la strada diventa sterrata, si oltrepassa una cappelletta a bordo strada sulla destra e poco dopo si arriva ad un tornante.
Dal tornante si diparte a sinistra una ripida strada dal fondo in cemento, la imbocchiamo e dopo una ventina di metri sulla sinistra troviamo il sentiero 104 che conduce al rifugio Grassi, indicato,direttamente sulla pavimentazione in cemento, da una vistosa scritta bianca con freccia. Non seguire le barre orizzontali azzurre, che non indicano il sentiero bensì i confini delle particelle forestali!
Il sentiero si inoltra in un bel bosco di noccioli e faggi, in breve si giunge a due ponticelli consecutivi che passano un torrentello, si prosegue e il sentiero inizia a salire, il fondo conserva qui l’ antica lastricatura in sasso. Passiamo al bordo di un piccolo prato con cascina, superiamo alcuni stretti tornanti e raggiungiamo un primo bivio,qui svoltiamo a destra.
Il bosco di latifoglie cede gradualmente il posto ad una pineta, proseguiamo ed incontriamo un secondo bivio in corrispondenza di un tornante, anche qui prendiamo a destra ( cartello provvisorio in plastica verde con scritta rifugio Grassi inchiodato ad un albero). Si prosegue in diagonale e si raggiunge un piccolo dosso, qui il sentiero gira a destra e comincia un lungo tratto piano, 600-800 metri in mezzo ai faggi fino ad incontrare un ruscello, lo supera e inizia a salire un tratto molto rovinato dall’ acqua, quindi il bosco dirada e si sbuca in un bel prato con parecchie baite, l’ alpeggio di Lavez. Davanti a noi si scorgono i contrafforti del Pizzo dei tre Signori.
Il sentiero sale il bordo sinistro del prato, piega a sinistra, passa un ruscello e risale un lungo pendio con numerosi tornanti, troviamo una baita circa a metà dello stesso. Passiamo una cresta e ci troviamo di fronte un alpeggio con una grossa casera con tettoia detta appunto il caserone (c’è anche un cartello col nome), il sentiero prosegue per bellissimi pascoli e dopo 20 minuti, oltrepassata una dorsale, si scorge il rifugio Grassi. Da qui in altri 20 minuti di leggera salita attraverso i pascoli si giunge al rifugio. Tempo totale 3 ore.

 

DA PESCEGALLO (Val Gerola)

In cinque ore, costeggiando le pendici del Pizzo dei Tre Signori. Percorso a tratti impegnativo, in alta quota, segnaletica a volte carente: CONSIGLIATO A PERSONE ESPERTE E ATTREZZATE

 

COME ARRIVARE COI MEZZI PUBBLICI

Il rifugio Grassi è relativamente facile da raggiungere con i mezzi pubblici: basta prendere il treno fino a Lecco, e poi l’autobus da Lecco a Introbio (circa 1 ora). Gli autobus sono abbastanza frequenti durante la settimana e il sabato, meno frequenti la domenica. Per consultare l’orario aggiornato è sufficiente cercare la linea D35 (Lecco – Premana) sul sito www.provincia.lecco.it/trasporti,oppure su www.leccotrasporti.it
Per raggiungere Barzio, da dove parte la funivia per i Piani di Bobbio, la linea è la stessa.
Valtorta invece è raggiungibile in autobus da Bergamo (solo nei feriali sabato compreso). E’ necessario cercare sul sito www.bergamotrasporti.it le linee B (Bergamo – Piazza Brembana) e B50a (piazza Brembana – Valtorta).
L’ultimo autobus da Introbio la domenica sera parte verso le 17.30 con arrivo in stazione a Lecco alle 18.25. Se si cerca un passaggio verso la stazione di Lecco la domenica sera, la cosa migliore è rivolgersi a noi rifugisti: se possibile, offriamo noi stessi un passaggio, altrimenti si cercherà tra gli ospiti del rifugio qualcuno che, tornando a casa, possa offrire un passaggio!

 

PERCORSO INVERNALE CONSIGLIATO: da Introbio per il sentiero della Val biandino

D’inverno conviene salire da Introbio, lungo la forestale della Val Biandino e poi seguendo la traccia battuta.
Da Bobbio il passaggio è più difficile, inoltre, in caso di nevicate abbondanti, è necessario evitare i pendii e seguire le creste, per possibile pericolo valanghe.
Salendo da Introbio sulla traccia battuta in genere non è necessaria alcuna attrezzatura. In condizioni particolari (nevicate recenti) possono essere utili le ciaspole o i ramponi (in caso di gelo intenso). Alla sezione “Condizioni Sentieri” di questo sito solitamente c’è una panoramica sufficientemente aggiornata.
Le condizioni di pericolo slavine sono rare, e riguardano esclusivamente la strada fino a Biandino e la conca di Biandino stessa. Pertanto è consigliabile, in caso di nevicate abbondanti e a bassa quota, percorrere il sentiero anzichè la sterrata dal secondo ponte alla Bocca di Biandino: il sentiero è segnalato in corrispondenza del secondo ponte (100 m prima del ponte) e dell’Agriturismo La Baita.
Sulla traccia che sale dalla Bocca di Biandino alla Grassi, a patto di restare sulla traccia battuta, non vi è pericolo, in quanto le pendenze moderate non consentono il distacco di valanghe nemmeno nel caso di nevicate eccezionali. Per prudenza è comunque utile informarsi presso noi rifugisti per conoscere la situazione aggiornata e prendere le precauzioni del caso.